I tacchi sono uno dei simboli per eccellenza della femminilità. Slanciano le gambe e ti fanno sentire una vera star.

Ti attirano dalle vetrine dei negozi, dalle riviste di moda o dai siti e-commerce e ti innamori subito dei loro centimetri a due cifre.

Con tacchi a spillo, con plateau, a punta o con le zeppe, spuntate o con la suola rossa, ecc. La varietà di scarpe non manca di certo. L’importante è trovare il modello giusto che ti permetta di camminare sui tacchi con disinvoltura.

Camminare sui tacchi, infatti, è un po’ un’arte. Ci sono donne che sembrano nate per portare le scarpe coi tacchi ed altre invece che non si sentiranno mai a loro agio con questo tipo di calzature. Se non sai portare i tacchi o sei impacciata, la tua sensualità verrà azzerata. Se però proprio non vuoi farne a meno, sicuramente la cosa migliore è la pratica. Di seguito alcuni consigli per aiutarti a camminare sui tacchi con disinvoltura:  

La prima volta in cui decidi di acquistare un paio di scarpe col tacco è meglio essere realista e iniziare con un tacco intorno ai 5 cm.

Prima di uscire con le nuove scarpe per un pomeriggio di shopping, è meglio che ti abitui a portarle. Via libera quindi alle prove di camminata in giro per casa, così se dovessi anche sbilanciarti e cadere, il tutto rimarrebbe solo tra le tue 4 mura evitando così di fare figuracce.

Una volta raggiunto un minimo di equilibrio sei pronta per i tragitti all’esterno.

Il prossimo passo è quello di provare a camminare sui tacchi di 10 cm.

Il primo acquisto di questo tipo deve essere mirato ed intelligente optando per una scarpa che tenga ben ferma la caviglia, preferendo o un paio di stivali o un paio di scarpe col cinturino o con la zeppa. Anche perché all’inizio c’è il rischio di prendere qualche storta.

Oppure, se la vuoi assolutamente décolleté, opta per una scarpa col plateau che è più stabile e la camminata più facilitata.

Il momento migliore per l’acquisto di un paio di scarpe col tacco è il tardo pomeriggio quando il piede è più gonfio e stanco. Così non avrai sorprese in futuro.

Meglio puntare per un tacco non eccessivamente sottile, ma di media dimensione per offrire un supporto più adeguato.

Camminare sui tacchi per un po’ dentro al negozio è fondamentale perché così sarai certa di aver scelto un modello di scarpa confortevole.

Ora che hai finalmente acquistato le scarpe con il tacco 10 la cosa più importante è l’esercizio. L’ideale sarebbe camminarci tanto, sia per modellare le scarpe che abituare i piedi e cercare di trovare equilibrio e stabilità e la giusta postura che dovrebbe essere: testa alta, mento in su, schiena dritta, spalle giù, braccia rilassate, addominali dinamici, ginocchio teso e caviglia mobile (l’ottimale è riscaldare la caviglia con dei piccoli movimenti circolari prima di indossare le scarpe).

Una volta trovato il giusto equilibrio e la giusta postura, indossare i tacchi ti farà meno paura .

Un buon suggerimento per trovare una camminata femminile ed affascinante è quella di immaginare un filo invisibile che parta dalla tua testa e ti tiri verso l’alto. Se invece sei ferma in piedi, l’ideale è tenere una gamba dritta e l’altra leggermente piegata per bilanciare il peso corporeo e non gravare sui tacchi. Quando finalmente ti sentirai pronta e meno impacciata, potrai indossare i tuoi tacchi per una serata fuori. Inizialmente sarebbe meglio scegliere un’occasione più tranquilla e scegliere per un posto dove ci sia la possibilità di sederti di tanto in tanto per far riposare i piedi. Poi quando ti sentirai veramente sicura potrai passare alle serate movimentate!

Ecco alcuni suggerimenti extra per “prima” e il “dopo” tacchi:

Acquista scarpe con un numero in più per evitare la punta stretta.

Preferisci le forme semplici.

Risuola le scarpe nuove con gomma per renderle antiscivolo.

Assicurati di avere sempre fiducia nel tuo portamento se no sarai più propensa a cadere.

Concentrati su ogni singolo passo, almeno all’inizio.

Cerca di capire i tuoi limiti e scegli un tacco che ti permetta una camminata elegante e disinvolta: il plateau può sicuramente aiutarti.

Più grande è il tuo piede e più ti sentirai comoda sui tacchi alti.

Acquista scarpe di qualità: oltre ad essere più confortevoli, ti dureranno più a lungo.

Se i tuoi piedi scivolano nelle scarpe, spolvera l’interno con un po’ di borotalco prima di infilarle.

Alterna le scarpe tutti i giorni.

Dormi con delle calze contenitive per evitare le gambe gonfie, logicamente se dormi sola. Se invece dormi in compagnia, è meglio scegliere un altro momento per indossarle ;).

Allena le articolazioni del piede e il tallone di Achille indossando quando puoi scarpe da ginnastica.

Fai stretching e yoga regolarmente per alleviare le vertebre.

Per rendere i tacchi più confortevoli ci sono anche alcuni trucchetti:

Suole e copri-tallone in gel: inserisci le suole nella pianta della scarpa dove appoggi il piede. Ti servirà per attenuare la pressione ed evitare che scivoli troppo in avanti. Esistono anche delle strisce da applicare sopra al tallone e ai bordi delle calzature per renderle più comode.

Stick e cerotti anti-vesciche: li trovi in farmacia e ti saranno molto utili! Lo stick aiuta a far scivolare la pelle evitando così il fastidioso bruciore dovuto allo sfregamento della scarpa. I cerotti, invece, servono per curare efficacemente le eventuali bolle che ti potranno venire ed allo stesso tempo ad eliminare il dolore che provocano. Portali sempre con te. Non si sa mai!

Calzini fantasmini: se la forma della scarpa te lo consente, indossa un paio di fantasmini. Ti serviranno a diminuire l’attrito della scarpa sul piede. Ovviamente devono essere leggerissimi e in color carne altrimenti si noteranno e l’effetto sarà molto antiestetico.

  

  

A fine serata, quando riesci, fai un pediluvio con acqua e bicarbonato e dopo massaggia le gambe dal basso verso l’alto per favorire la circolazione e cerca di tenere le gambe in alto per una quindicina di minuti mentre sei sdraiata sul letto o divano.

Sarà un toccasana per i tuoi piedi!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: